Portando il blues/rock alla frontiera con l'hard

Di Sergio Ariza

Leslie West è un chitarrista eccezionale. Può essere che la sua musica non sia così ricordata come quella di altri artisti dell'epoca, ma la sua influenza su diverse generazioni di chitarristi è tremenda. Prese il testimone dai Cream e indurì la loro musica fino a rappresentare il preludio dell’heavy. Tutto nella figura di West è grande, dai suoi ovvi problemi di peso al suo incredibile tono, uno dei più riconoscibili e grandi della storia. E quando qualcuno ha il rispetto e l'ammirazione di persone come Jimi Hendrix, Van Halen, Pete Townshend o Ritchie Blackmore, allora quel qualcuno dev’essere per forza un grande.  

Nato con il nome di Leslie Weinstein il 22 ottobre 1945 in una famiglia ebrea di New York, la sua prima rivelazione arrivò da bambino quando suo zio, autore televisivo, lo invitò ad andare al suo programma lo stesso giorno in cui suonava Elvis Presley. Divenne un fervente credente del rock and roll e non smise finché i nonni non gli comprarono la sua prima chitarra. Prima di raggiungere la maggiore età, divenne, come tutta la sua generazione, un amante anglofilo di tutte le band dell'Invasione Britannica come i Beatles o gli Who. Condivise la sua passione con un vicino di casa che viveva dall'altra parte della strada, Bobby Wachtel: ogni volta che sentiva una nuova canzone dei 'Fab Four' correva a casa sua per vedere come avesse imparato alla perfezione le parti di chitarra per farsele insegnare. Andarono insieme al concerto dei Beatles al Paramount il 20 settembre del 1964, ma nessuno dei due era consapevole del fatto che, nel corso del tempo, sarebbero diventati idoli anche loro, West diventando una stella con i Mountain e Wachtel, meglio conosciuto come Waddy Wachtel diventando uno dei più importanti turnisti, collaborando con Fleetwood Mac, Iggy Pop o i Rolling Stones.
   

   

Wachtel fu chi gli insegnò a suonare la chitarra davvero bene e lo convinse a fidarsi del suo orecchio. Il suo amico fu anche chi lo portò dritto alla chitarra con cui si sarebbe associato più che mai. Dopo aver comprato una Rickenbacker a 12 corde come quella di George Harrison, Wachtel vendette la sua Les Paul Junior a West che aveva appena formato la sua prima band, The Vagrants. Erano il tipico gruppo di garage americano ed essendo di New York il loro grande riferimento erano i Rascals, con cui a volte condividevano il palco e il suono dell'organo Hammond B-3. Anche se si può già vedere il progresso del West come chitarrista in quei primi momenti, come si può vedere sul loro primo singolo, Oh Those Eyes, in cui utilizzò una rara Danelectro Bellzouki a 12 corde. Nel 1966 ebbero un piccolo successo regionale con I Can not Make a Friend e furono ospiti abituali della Long Island Action House con gruppi locali come Vanilla Fudge o gli Hassles del giovane Billy Joel.
   

 

Ma la sua vera rottura opportunità arrivò nel 1967, quando Tom Dowd gli fece firmare un contratto con l'Atlantic, con cui registrato la loro versione di Respect di Otis Redding, un piccolo classico del garage rock, che portò a uno degli aneddoti preferiti di West. Quando andò a ritirare diverse copie del singolo negli uffici dell'Atlantic, vi trovò lo stesso Otis che gli firmò una copia con la seguente frase "To Leslie with respect". Ma sarà il suo prossimo incontro a cambiargli la sua vita. L’Atlantic assegnò loro un nuovo produttore per il loro prossimo singolo, Felix Pappalardi. Fu lui, insieme alla sua fidanzata Gail Collins, che avrebbe scritto Beside the Sea, il loro prossimo singolo, in cui la chitarra fuzz di Leslie ebbe molto più peso. Quello stesso anno Pappalardi produsse (oltre a scrivere due canzoni con Collins) Disraeli Gears per i Cream. I Vagrants non ebbero alcun impatto, ma Pappalardi vide qualcosa nel chitarrista e non esitò a dirgli che se avesse messo su qualcosa di nuovo lo avrebbe chiamato.
 

   

La band non andò da nessuna parte e si separò nel 1968, lo stesso anno in cui West vide i Cream live per la prima volta ed ebbe chiaro cosa volesse fare. Dopo aver incontrato un batterista e un bassista, chiamò Pappalardi e si presentò in studio, ma il produttore non ne rimase colpito. Cambiò i musicisti e riapparve da Pappalardi, ma questo continuò a non essere convinto, finché un comune amico gli disse: "Perché non prendi tu il basso e provate?". Non ci volle più di una canzone per vedere che la cosa funzionasse davvero. I Cream si erano appena separati ed loro erano pronti a prenderne il testimone. Il primo disco fu registrato all'inizio del ‘69 e uscì a luglio con il nome di West ma intitolato Mountain, il nome scelto dal trio, con N.D. Smart alla batteria, per i loro primi concerti. Dopo tre serate arrivò la prima grande occasione, Woodstock. I Mountain suonarono il Sabato 16 agosto e iniziarono il concerto con la stessa canzone che uscì come loro album di debutto, la notevole Blood Of The Sun, ed ebbero anche il tempo di repescare la canzone che li aveva uniti per la prima volta, Beside The Sun. A quel tempo West aveva già la sua Les Paul Junior Sunburst e le sue famose testate Sunn, fondamentali per il loro suono. Ma non dimentichiamo che West si ammazzò di lavoro per ottenere il suo incredibile tono.
 

   

Raggiunse la perfezione del suo stile nell’album seguente. West voleva essere riconoscibile come fosse un violinista, voleva avere il tono più grande possibile e ottenere un vibrato tutto suo. La sua tecnica era rudimentale, non usava il mignolo della mano sinistra per nulla, ma aveva il suo tono, uno dei migliori di tutti i tempi. Con Climbing!, il loro secondo album, ebbe anche le canzoni giuste per svilupparlo. Tanto Mississippi Queen come Never In My Life sono due classici assoluti con due riff spettacolari di West, The Laird ricorda i contributi di Pappalardi per i Cream come Strange Brew e, soprattutto, World Of Pain, con un tocco psichedelico, mentre la loro versione del pezzo di Jack Bruce, Theme For An Imaginary Western, è perfetta. Jimi Hendrix stava registrando con la sua Band of Gypsys nello studio accanto e Pappalardi chiese a West di invitarlo a entrare. Una volta dentro Pappalardi, mise Never in My Life e Hendrix si girò sorpreso verso West per dirgli sorridendo "Questo è un gran riff, zio". Qualche settimana dopo, dopo un concerto di Steve Miller, West e Hendrix avrebbero condiviso il palcoscenico in una "jam" che ha un posto privilegiato tra i ricordi di West.
   

A quel tempo Smart fu sostituito da Corky Laing mentre Steve Knight era ancora alle tastiera. Tanto Mississippi Queen come l’intero l'album furono un successo e il gruppo divenne una vera attrazione dal vivo, guidata dalla chitarra di West. Nello stesso anno registrarono il loro terzo album, Nantucket Sleighride, che uscì nel gennaio del 1971. Quell'anno, ad aprire i loro concerti, arrivarono ad avere nientemeno che i Black Sabbath, con West che si divertiva molto insieme a Ozzy Osbourne. West era diventato il chitarrista di riferimento per i chitarristi inglesi, gente come Mick Ralphs dei Mott the Hoople o Martin Barre dei Jethro Tull non potevano nascondere la sua ammirazione per lui, e finirono tutti per acquistare diverse Les Paul Jr. Quello stesso anno, il 1971 , ricevette la chiamata di uno dei suoi idoli per suonare con lui e il suo gruppo. Era Pete Townshend che, nel mezzo delle registrazioni di Who's Next, invitò West a raggiungerli in studio. Anche se non si pubblicò in quel momento, il suo contributo è fantastico su temi come Love Ain't For Keeping in versione elettrica con Townshend alla voce, o la versione di Baby, Don't You Do It. L'esperienza fu così bella che West regalò la sua mitica Les Paul Junior da un solo pick up a Townshend. Insieme a una vecchia Strato che gli regalò Clapton e la Gretsch Chet Atkins che gli regalò Joe Walsh, fu una delle tre chitarre elettriche Che Pete Townshend utilizzò per quel disco leggendario.
   

 

Flowers Of Rain
, il quarto album dei Mountain in poco più di due anni, iniziò a dare segni di cedimento, ma il loro seme era già stato piantato. West e la band erano stati il ​​legame tra i Cream e il nascente Heavy. Non per niente un altro chitarrista britannico decise di cambiare la musica del suo gruppo dopo aver ascoltato la Mississippi Queen. Ritchie Blackmore dichiarò che ascoltare i Mountain lo portò ad applicare la loro brutale intensità hard rock sul seguente album dei Deep Purple, l'influente In Rock. Naturalmente, l'influenza più bizzarra della sua carriera è quella che ha esercitato involontariamente nell'hip hop. Nel 1972 apparve l'album Mountain Live che conteneva la sua interpretazione di Long Red di Woodstock. La canzone si apre con un ritmo di batteria molto funky e West si rivolge alle persone per applaudire e gridare "Louder!", beh, quel piccolo pezzo è stato "campionato" in più di 600 canzoni hip hop, inclusi nomi come quelli di Eric B. & Rakim, Public Enemy, Nas, Jay-Z, Kanye West o Eminem. Come dice con sorpresa, e con orgoglio, il proprio West, “ho appeso diversi dischi di platino alle pareti grazie a quelle canzoni”.
     

Ma è stata la chitarra di Leslie West che, finalmente, passò alla storia essendo una delle fondamenta dell'hard rock e dell'heavy rock, un punto di riferimento per il suo primo tridente, con i Black Sabbath e Deep Purple in testa, così come per il secondo, guidato da Eddie Van Halen e Randy Rhoads. West ha continuato la sua carriera di successo, mettendo anche su una band con Jack Bruce e registrando con altri giganti come Ozzy, Slash o Joe Bonamassa. Qualsiasi chitarrista con un po’ di orecchio, sa riconoscere il tono più grosso, senza doppi sensi, della storia del rock. Nemmeno la tragedia che ha causato l'amputazione di una delle sue gambe nel 2011, a causa del diabete, è riuscita a farlo scendere dal palcoscenico. Anche se ora suona le sue Dean signature, il suo tono è ancora perfetto, dimostrando, ancora una volta, che la magia è nelle dita, soprattutto se quelle dita appartengono a un tipo come Leslie West.
   

Photogallery