Le 10 (+1) domande che facciamo a tutti

Simon Padalka (Russia)

SEI CORDE…

1. 
Come sei finito (o hai iniziato) a fare il liutaio?
 

Mi sono sempre piaciuti gli oggetti esclusivi e di alta qualità. Compresi i componenti di lusso ad alta fedeltà e, naturalmente, le chitarre. Ma è anche accaduto che mi sono interessato di più agli aspetti tecnici. Quindi, quando volevo lavorare sulla mia chitarra elettrica, ho iniziato a guardare i modelli fatti a mano. Questo mi ha portato ai forum di liutai. Imparai molto, quindi decisi di fare una chitarra da solo. Ho studiato la tecnologia per più di un anno, ma per lo più ho imparato da solo. Attraverso libri e tutte le informazioni che ho trovato in Internet. A volte chiedevo consigli ad altri liutai.  

Volevo fare il mio primo strumento in modo corretto, senza scuse. Ecco perché ci sono voluti nove mesi per finirlo. Ma alla fine ho capito. Ho insegnato questa chitarra a molti musicisti della mia città e l’hanno valorizzata molto.  

Dopo di che ho cominciato a ricevere i primi ordini per costruire e riparare.   Mi stavo laureando all'università, ma non avevo molta passione per l'architettura. E poiché ricevevo sempre più ordini, decisi di provarci seriamente prima di iniziare una carriera come architetto.  

2. 
Che cosa ispira il disegno e la realizzazione di una nuova chitarra?
 

Quello che mi ha ispirato innanzitutto è la mancanza di una chitarra decente, quindi ne feci una.  

Poi, dopo alcune repliche per farmi le ossa, fu molto interessante trovare nuovi modi di costruzione. In primo luogo ho creato molte forme diverse, non avendone trovata ancora una mia. Ma dopo che la produzione in linea ormai funzionava, ha trovato ispirazione nel legno (in realtà mia moglie Daria, che è designer). Il legno è una fonte senza fine, quindi penso che avremo molte nuove idee, oltre a un nuovo look. Nuove combinazioni di legno possono portare nuovi suoni alle chitarre.  
A volte anche nuove attrezzature possono ispirare un nuovo design.  
Il design è fatto da piccoli dettagli e se ne possono applicare tanti. Abbiamo molte idee per nuovi design: ci vorranno alcuni anni per costruirli tutti (ride).  

3. 
Cerchi un determinato suono per qualche ragione precisa?
 

Principalmente cerco di ottenere un certo carattere. È abbastanza difficile prevedere il suono quando stai costruendo una chitarra con specifiche uniche e combinazioni diverse di legno, ma è possibile in una certa misura.  
Qualche tempo fa ho collaborato con uno studio di registrazione per progettare una tipo di chitarra per un suono heavy moderno. La chiamiamo la serie Electric Art. Chitarre baritone di sei e sette corde con corpi in frassino bianco e manici in acero. Erano particolarmente buone per accordature più basse.  
Ora voglio provare nuove cose e per questo ho iniziato a produrre chitarre semiacoustiche. Il nuovo modello Sun è un semiacoustico, due camere e al centro un blocco solido blocco di legno. Le camere arricchiscono il suono grazie alle risonanze, e il ‘tone block’ fornisce la profondità e un buon sustain.  
Sono rimasto stupito di quanto risultò essere versatile il suono. È ricco e molto risonante nel canale pulito e crunch, ma è anche molto denso e potente in hi-gain. Ci puoi suonare anche i Djent (ride).  

4. 
Scegli e spiega perché: soul, jazz, blues, rock, pop…o cosa?
 

Quello che mi è sempre piaciuto è il rock, ma non pesante. I Pink Floyd erano e continuano ad essere i miei preferiti. Ascolto anche blues, come Gary Moore e Stevie Ray Vaughan. Ma da quando ho iniziato la carriera di liutaio i miei clienti mi hanno dato un’educazione più heavy. Così ora la mia playlist comprende i Nickelback, Drowning Pool, Karnivool, Breaking Benjamin, anche se continua a non piacermi chi vada oltre gli Slipknot.
 

5. 
Sei un artista a commissione o un eremita solitario?
 

Essere liutaio è il mio unico lavoro. Prende tutto il mio tempo e richiede molta attenzione: non potrei immaginarmi di fare. Mia moglie mi aiuta molto. Sta facendo tutti i disegni e i modelli, mi aiuta nella preparazione del legno, nelle spedizioni degli strumenti ed è responsabile di tutte le attività online. A parte questo, lavoro da solo. Ho cercato di avere apprendisti ma ho deciso che se volevo mantenere la massima qualità possibile, dovevo fare tutto da me.  

6. 
Qual è l’ultimo disco che hai comprato e qual è l’ultimo che hai ascoltato?
 

Dal momento che ascoltare musica in CD ogni giorno che passa è meno popolare, penso che l'ultimo che ho comprato è stato il On An Island di David Gilmour. Un disco con una bella atmosfera, che richiede un ottimo sistema audio per sentirlo bene. Quando il sistema è buono suona pulito e ti avvolge nel suono. Altrimenti sembra confuso. Ricordo di aver scelto un buon HI-FI grazie a questo CD.
 
Ultimamente ho ascoltato molto i Foo Fighters. Mi piace l'energia del loro ritmo e il suono delle chitarre.  

…UN CORPO…  

7. 
Elettrico o acustico?
 

Costruisco chitarre e bassi elettrici. Costruire strumenti acustici richiede utensili piuttosto diversi. Ma a parte questo, non mi sento molto vicino a quel tipo di strumenti. È un approccio diverso, non è ciò che mi è stato insegnato e so che ci sono persone che li costruiscono meglio di me. Penso che i migliori risultati siano raggiunti da chi si specializza in uno o nell'altro.  

…UN MANICO…  

8. 
Qual è il segreto dei legni che usi?
 

Impiego un sacco di tempo a preparare il legno. In primo luogo cercando in diversi negozi online e fisici, cercando diversi tipi da scegliere e trovando quelli che valgono la pena. E posso dirti che non è una cosa facile. Molti fornitori russi non vogliono nemmeno parlare con te se non compri qualche tonnellata di lengo.  
Il passo successivo è quello di tagliare i legni e prepararlo in tavole da mostrare ai clienti. A questo punto li controlliamo ancora per scartare i pezzi imperfetti. A volte compro il legno ancora fresco (Ebony Pale Moon soprattutto) perché nel processo di essiccazione si formano molte crepe. Così lo compro con un’umidità naturale, lo taglio e lo stagiono io stesso. Ho una stanza con controllo di umidità in cui tengo tutto il legno e le chitarre (quelle finite e quelle in costruzione). Ma anche i legni stagionati devono passare attraverso quella stanza un po' prima di essere utilizzati. In questo modo l'umidità può stabilizzarsi all'interno delle tavole e non ci saranno sorprese durante il taglio. Ogni volta che appare un'imperfezione, il pezzo viene scartato (alla fine uso solo il 50% dei legni che compro). Poi mia moglie fotografa ogni tavola, gli dà un numero e lo mette in catalogo, dove può essere visto dai nostri clienti.  

…E DUE MANI.  

9. 
Perché una chitarra fatta da un liutaio costituisce un’alternativa rispetto a quelle dei grandi fabbricanti?
 

Ci sono molte ragioni. Il più ovvio è che puoi personalizzare la tua chitarra secondo le tue specifiche e la tua ergonomia. Quando si ordina uno strumento a un liutaio, non stai acquistando solo una chitarra o un basso. Vivi anche l'eccitazione di disegnare lo strumento. Quando discuto i dettagli con i miei clienti, hanno una possibilità enorme di opzioni da scegliere. Quando finiscono, realizzo un modello realistico del prodotto finale, mostrando i pezzi esatti di legno che saranno utilizzati, oltre ad altri piccoli dettagli.   Naturalmente la qualità del legno è sempre più alta nelle chitarre fatte dai liutai. E cosa è più importante, nessuno, ad eccezione di un liutaio, sarà mai così ossessionato dalla chitarra che sta facendo. L'attenzione al dettaglio, la qualità in generale e come lo strumento suonerà... questo credo sia il segno del buon liutaio.  

10.
Chi suona le tue chitarre? Chi ti piacerebbe che le suonasse?
 

Non so molto dei miei clienti, ma molti musicisti conosciuti suonano i miei strumenti: Tim e Luke (Protest the hero, Canada), Oleg Izotov (Russia), Xerosun (Irlanda) e David Price (Polonia).
 

Ovviamente vorrei che fossero coinvolti molti più musicisti professionisti ma è una questione di tempo. Dopo tutto, sono passati solo sei anni da quando ho costruito la mia prima chitarra.    

(+1). Quali corde monti e quali amplificatori ti piacciono per le tue chitarre?  

Le mie corde preferite sono Elixir, durano molto e si comportano bene al livello del sound. Mi piacciono le corde ‘heavy’ perché forniscono un suono più solido e possono mostrare meglio il carattere di una chitarra rispetto a quelle più fini.  
Provo tutte le mie chitarre in studio con una dozzina di amplificatori diversi. Ma quelli che più mi piacciono sono: Engl Invader 100, Marshall DSL 100, Custom Audio Amplifiers OD 100+.  

Pagina web ufficiale di Padalka Guitars

   

Photogallery