Da Improvvisazione a Composizione

Di Paul Rigg

In Road To The Sun (5 marzo 2021; BMG Modern Recordings), la leggenda della chitarra Pat Metheny evita la sua Ibanez PM200-NT in favore della sua mitica 42 corde Pikasso, ma il suo vero successo qui è nella composizione.     

Tale è il genio di Metheny che il 20 volte vincitore di un Grammy ha riferito di aver messo le foto dei suoi collaboratori davanti a sé per immaginare esattamente quale parte avrebbero avuto nei due lavori principali che compongono il suo nuovo album. In particolare, Jason Vieaux - che a 19 anni è diventato il più giovane vincitore della prestigiosa Foundation of America's International Guitar Competition - suona la chitarra classica nella suite d'apertura Four Paths Of Light, mentre il Los Angeles Guitar Quartet (LAGQ; composto da John Dearman alla 'sette corde', Matthew Greif, William Kanengiser e Scott Tennant alla classica) suona nel secondo pezzo in sei parti, Road to the Sun. In qualche modo questo album può essere considerato la risposta rispettosa di Metheny all'album Images of Metheny di Vieaux del 2005, e all'album Guitar Heroes dei LAGQ del 2004, che includeva interpretazioni del suo materiale; in ogni caso, i chitarristi di questo disco hanno chiaramente un enorme rispetto per l'abilità e la capacità compositiva dell'altro.
     

  

"Originariamente, sono arrivato alla composizione come un modo per espandere il mio raggio d'azione come improvvisatore", dice Metheny. "Improvvisare e comporre sono attività correlate che avvengono a temperature selvaggiamente diverse. Ma allo stesso tempo, idealmente, i tipi di cose che amo come ascoltatore e amante della musica sono ciò che aspiro a rappresentare, indipendentemente dal modo in cui nascono".
    

Questa registrazione rappresenta un grande passo per Metheny in almeno altri due modi. Da un lato, il suo debutto per Modern Recordings rappresenta una mossa coraggiosa nel territorio della chitarra classica, che è stata opportunamente sostenuta da una vasta copertura su BBC Radio 3 e 4. Dall'altro, è stato riferito che niente dell'album è stato improvvisato; è stato tutto completamente scritto.      

  

L'assolo iniziale in quattro tempi di Jason Vieaux è pieno di melodie e la composizione di Metheny gli permette di mettere in mostra sia la sua abilità tecnica che il suo meraviglioso tono e feeling. Metheny dice: "Ho seguito il mondo della chitarra classica con interesse e dal primo momento in cui ho sentito Jason, è stato uno dei miei musicisti preferiti. Eccelle nel suonare passaggi che confinano con l'essere tecnicamente impossibili, e ha anche la rara capacità di rendere le cose semplici con un vero significato".      

Un tempo simile nell'album di quasi un'ora è dedicato alla suite in sei movimenti di LAGQ che presenta un mix di stili folk, jazz, flamenco, country e latino, che è stata descritta come avente "una melodia attiva con tremoli intrecciati, contrappunto, tamburi e scale". Metheny contribuisce con la chitarra nella parte 5, mentre la sezione finale di questo movimento presenta una melodia particolarmente incantevole del quartetto. 
     

   

L'album si chiude con l'arrangiamento e l'esecuzione da parte di Metheny di Für Alina. Questo pezzo è una rielaborazione della commovente composizione per pianoforte di Arvo Pärt, ma il chitarrista la migliora e la abbellisce con un ricco arazzo di suoni.
      

Dopo quattro decenni di lavoro trascendentale, Metheny non ha più nulla da dimostrare, ma continua a esplorare e innovare sia in termini di generi che di composizione. "C'è un piacere unico nel sapere che ciò che è sulla pagina può stare come una serie completa di istruzioni per arrivare a quel risultato musicale, non solo per questi esecutori ma eventualmente per altri musicisti in futuro", dice. "Sono davvero felice che ognuno di questi ragazzi abbia trovato la propria strada nella musica che è la loro - è inconfondibilmente di questi chitarristi - e questo è fantastico per me".
     

Photogallery