Green Day’s 10 Best Songs

Di Paul Rigg

I Green Day furono formati nel 1987 in California dal vocalista Mike Dirnt e dal cantante e chitarrista Billie Joe Armstrong. Nato il 17 febbraio 1972, Armstrong registrò la sua prima canzone all'età di cinque anni e iniziò a suonare con Dirnt quando ne avevano 14.       

Insieme al batterista Tré Cool (che sostituì John Kiffmeyer nel 1990), e al chitarrista occasionale Jason White, la band ha venduto oltre 75 milioni di dischi, rendendoli una delle band che ha venduto di più nella storia della musica.
      

Ecco la scelta di Guitars Exchange delle 10 migliori canzoni dei Green Day.
     

       

10. Welcome to Paradise - Kerplunk (1991)
    

Welcome to Paradise
, inizialmente apparve su Kerplunk ma fu poi rielaborato per l'album di svolta Dookie. Il testo è stato ispirato dalla "baraccopoli" dove vivevano i fondatori della band: "Riguarda West Oakland, vivere in un magazzino con un sacco di gente, un gruppo di artisti, musicisti, punk, barboni, drogati, teppisti, membri di gang e altre cose che vivevano in quella zona. Non è un posto dove vorresti andare in giro di notte, ma è un bel capannone dove puoi giocare a basket", ha detto Armstrong.
     

All'inizio i membri della band erano soliti scambiarsi spesso i ruoli, come in questo caso in cui Armstrong ha creato il ritmo della batteria e Cool ha scritto le parti di chitarra. Cool dice che il messaggio della canzone è: "Tutto fa schifo ma ci stiamo divertendo lo stesso".
     

9. Brain Stew - Insomniac (1995)
     

Dookie
fu presto seguito da Insomniac, che non fu così grande, ma aveva come una delle sue gemme Brain Stew. Il brano si apre con alcuni accordi di chitarra molto semplici che costruiscono sempre di più fino ad un crescendo tempestoso. Si dice che Brain Stew abbia preso il nome dal loro amico James Washburn. "Aveva un grande Mohawk; ora è un totale ratchethead [un termine californiano per qualcuno che è ossessionato dalle macchine]", disse Armstrong in un'intervista del 1995. "Quando qualcuno si lamenta, dice qualcosa tipo 'Oh, amico, a quel ragazzo è scappata una marcia'…Ha una grande influenza sui miei testi". 
     

           

8. She - Dookie (1994)
     

She
racconta la storia di uno degli amori di Armstrong all'Università della California che conobbe in un night club. "Lei mi ha dato un'educazione che credo sia stata molto opportuna per me. Ero solo un ragazzo stupido, che aveva abbandonato le scuole superiori. Mi stava parlando del modo in cui le donne sono state trattate come oggetti per così tanti anni, e io non facevo altro che ascoltare", ha detto della sua introduzione al femminismo.
     

La canzone non ha avuto lo stesso impatto dei precedenti singoli estratti da Dookie, ma è comunque diventata una delle preferite dai fan nei concerti dal vivo dei Green Day. È anche una delle canzoni preferite di Armstrong: "Suonerò 'She' per il resto della mia vita..." ha detto, "è invecchiata bene".
     

7. When I Come Around - Dookie (1994)
      

La vita sulla strada portò una serie di stress nella vita di Armstrong, tra cui la tensione che mise nella sua relazione con la sua ragazza di allora, Adrienne Nesser del Minnesota. La coppia si incontrò ad un concerto dei Green Day nel 1990 quando lei gli chiese dove poteva trovare una copia di uno dei loro album. Da quella chiacchierata piuttosto inaspettata, la loro relazione è cresciuta in una relazione a lungo termine e nel matrimonio. Presto ebbero due figli, Joseph Marciano (ora 25) e Jakob Danger (ora 22).
    

Si dice che quando i Green Day suonarono questa canzone a Woodstock '94, un fan gettò del fango sul palco e Armstrong se lo mise in bocca. Questo portò a una lotta nel fango e a un'invasione di palco in cui Dirnt fu ferito piuttosto gravemente mentre un membro dello staff di sicurezza cercava di buttare giù i fan dal palco. Nel video associato, tuttavia, quelli che si godono il fango sembrano condividere un momento unico: "Non c'è tempo per cercare il mondo intorno, Perché sai dove mi troverai, Quando verrò, Quando verrò".
    

      

6. Longview - Dookie (1994)
    

I Green Day sono essenzialmente un power trio come i Nirvana, e come quella leggendaria band grunge il loro primo grande successo riguardava il tema della noia. La sua accattivante introduzione di basso (che si dice sia stata 'scoperta' durante un trip di LSD), e il suo testo in stile 'oh beh, pazienza' aiutarono a dare alla band il suo primo numero 1.
     

Il titolo viene dal nome di una piccola città di Washington ed è un'ode all'autoerotismo. "Mi mordo il labbro e chiudo gli occhi, sto scivolando via verso il paradiso, Alcuni dicono 'smetti o diventerai cieco' Ma è solo un mito", canta Armstrong.
       

5. American Idiot - American Idiot (2004)
    

Pubblicata nel periodo in cui George W. Bush stava invocando una "guerra al terrorismo" post 9/11, questa canzone sembra forse ancora più appropriata per questi tempi. Erano passati dieci anni dall'uscita di Dookie e mentre alcuni si chiedevano se i Green Day avrebbero mai raggiunto di nuovo le stesse altezze, la band pubblicò American Idiot, e si ritrovò di nuovo al top. Nel 2009 Armstrong portò un'ulteriore ispirazione per la canzone, dopo aver ascoltato alcuni testi dei Lynyrd Skynyrd: "Era tipo, 'Sono orgoglioso di essere un contadinotto' e pensavo, Oh mio Dio, perché dovresti essere orgoglioso di qualcosa del genere? Questo è esattamente ciò a cui sono contrario... [Quando sono arrivato in studio] ho guardato i ragazzi e ho detto, Vi dispiace che lo dica? E loro, 'No, siamo d'accordo con te'. E questo fece partire tutto".
     

     

4. Boulevard of Broken Dreams - American Idiot (2004)
     

Questa gemma è forse la canzone più venduta dei Green Day e provoca isteria quando viene suonata dal vivo. In un concerto al festival di Reading, per esempio, Armstrong fornisce una masterclass su come far impazzire la folla mentre fa a pezzi la sua Fender Telecaster customizzata. Boulevard of Broken Dreams fu il secondo singolo estratto da American Idiot e parla della solitudine e della perdita del sogno americano.
     

Il titolo della canzone si riferisce ad un dipinto di Gottfried Helnwein che ritrae Marilyn Monroe, James Dean, Humphrey Bogart ed Elvis in una tavola calda americana, sebbene sia stato usato anche su una foto di Dean che cammina in un grande impermeabile nero lungo una strada bagnata dalla pioggia. "C'è una vecchia foto di James Dean dove sta camminando a New York e sotto c'è scritto 'Boulevard of Broken Dreams'. È una grande foto della sua vita, ed è da lì che ho preso il titolo", ha detto Armstrong.
    

3. Good Riddance (Time Of Your Life) - Nimrod (1997)
     

Scritta in un momento di frustrazione quando l'allora fidanzata di Armstrong lo lasciò per trasferirsi in Ecuador, questa ballata evidenzia un'altra sfaccettatura del suono dei Green Day. Originariamente scritta nel 1990, la band ha trattenuto la canzone perché i suoi violini e le chitarre acustiche non si adattavano alla loro immagine punk dell'epoca. Molti fan l'hanno vista come una fregatura quando l'hanno sentita per la prima volta perché non potevano metterla in relazione con il "Green Day sound". Tuttavia è diventato un successo e non sorprende che sia stato usato in innumerevoli eventi di addio, e in spettacoli televisivi, ed è un punto fermo nei loro concerti dal vivo. Provate a immaginare il momento in cui è stata suonata per la prima volta dal vivo: "La prima volta che abbiamo suonato quella canzone è stato durante un bis nel New Jersey - ho dovuto bere una birra nel backstage per trovare il coraggio. Sapevo che avremmo preso un pomodoro in faccia", ha detto Armstrong.
  

   

2. Jesus of Suburbia - American Idiot (2004)
  

Jesus of Suburbia
è un'altra canzone di rottura d'immagine dei Green Day. La trama riguarda un adolescente disincantato che è stato cresciuto comodamente, ma che si ribella contro la mentalità da piccolo paese della sua famiglia e dei suoi amici e parte per la città. "Sono il figlio della rabbia e dell'amore, il Gesù di Suburbia", canta Armstrong.
    

Questa "opera rock" di nove minuti, strutturata in cinque parti, fu un altro shock per molti dei fan più accaniti della band. È stata spesso paragonata a Bohemian Rhapsody dei Queen, che all'inizio fu rifiutata dalla loro casa discografica perché "non era dei Queen", solo che la band spiegò che "no, questa definisce davvero i Queen". Come è noto, Jesus of Suburbia, come Bohemian Rhapsody, è diventata un'altra delle canzoni preferite dai fan.
    

1. 
Basket Case - Dookie (1994)
  

Qui però il primo posto va a Basket Case, perché ha semplicemente tutto: una melodia orecchiabile, un grande ritmo e un ritornello formidabile. Ha anche meravigliosi attacchi di chitarra: in una versione dal vivo all'Olympiahalle di Monaco Armstrong, per esempio, può essere visto suonare con la sua famosa copia Fernandes Stratocaster, conosciuta come Blue.
     

Ciò che distingue davvero questa canzone, tuttavia, è che ha contribuito a rompere il tabù di parlare di problemi di salute. Armstrong soffriva di paranoia, ansia cronica e attacchi di panico e, almeno nella canzone, li affronta in modi chiaramente autodistruttivi. Uno strizzacervelli gli dice che il sesso lo farà sentire meglio, per esempio, così va da una prostituta... solo per avere qualcun altro che ascolti i suoi problemi. "L'unico modo che conoscevo per affrontare la cosa era scrivere una canzone su questo", ha spiegato il cantante.
      

Il video di accompagnamento è stato girato in un istituto psichiatrico della California ed è stato trasmesso a rotazione da MTV, il che ha aiutato la canzone a passare cinque settimane intere in cima alla classifica Billboard Modern Rock Tracks.